Vivere in Svizzera: Informazione e consulenza online  

Infezioni sessualmente trasmissibili

Le malattie veneree sono trasmissibili in primo luogo tramite contatti sessuali. All’inizio rimangono spesso celate per cui molta gente non sa di essersi contagiata e infetta altre persone. La malattia più frequente della specie a livello mondiale è la gonorrea (lo “scolo”). Altrettanto diffusa globalmente è la sifilide.

La gonorrea è causata da batteri. Il contagio avviene attraverso pratiche sessuali anche anali od orali, come pure durante il parto di madre già infetta. Nel peggiore dei casi il neonato può ammalarsi di una congiuntivite purulenta. Gli adulti in genere soffrono di disturbi agli organi sessuali oppure nelle sezioni anali, faringee o orali. Contro la malattia stessa serve unicamente l’ingestione di antibiotici. Una nuova infezione può avvenire più volte.

La sifilide è causata da batteri. Il contagio avviene di solito nel rapporto sessuale non protetto, attraverso la mucosa o piccole ferite cutanee. In gravidanza sussiste il pericolo d’infezione per il feto che così acquisisce una sifilide congenita. L’infezione si diffonde per le vie linfatiche e i linfonodi regionali negli organi e può essere curata con la penicillina.

Protezione dai contagi

La maggior parte delle infezioni sessualmente trasmissibili si diffondono però più facilmente dell’Aids, ad esempio anche nel rapporto orale senza sperma o tramite sangue mestruale.

  • Contro il contagio nel rapporto penetrativo protegge soltanto il profilattico (uomo) o il femidom (donna).
  • Inoltre, assolutamente nessun sperma in bocca o in gola, e lo stesso vale per il sangue mestruale.

Sintomi

All’insorgere dei seguenti sintomi rivolgersi immediatamente al medico:

  • bruciori quando si urina
  • rossori insoliti nelle parti genitali
  • prurito alle parti genitali
  • secrezione mutata e appariscente dalla vagina o dal pene
  • dolori alle parti genitali o al basso ventre
  • mutamenti della pelle: chiazze infiammate, scaglie, pustole, verruche, noduli, ulcere alle parti genitali (pene, vagina, ano) o nodi linfatici inguinali
A norma le malattie veneree sono guaribili e presentano un decorso piuttosto innocuo se trattate per tempo con gli antidoti. Ma se invece vengono trascurate possono causare eventualmente pesanti infiammazioni, sterilità, un rischio cancerogeno aumentato e persino danni cerebrali.

Importante

Ne informi il suo compagno o la sua compagna perché possano farsi visitare e se necessario curare.

Legami :

Ritorno